Allenamento per contrastare la cellulite

October 26, 2017

Ciò che affligge maggiormente le donne è la lotta alla cellulite, ma di che si tratta esattamente? Essa viene anche definita PEFS (panniculopatia edemato fibro sclerotica) non è un semplice inestetismo ma una vera e propria patologia con alterazione del microcircolo e ipertrofia anomala degli adipociti; i vasi non sono in grado di portare sangue ossigenato ai tessuti e di ripulirli da sostanze tossiche, ne deriva quindi una degenerazione dei tessuti che perdono le loro caratteristiche di trofismo ed elasticità.
La cellulite presenta diversi stadi di avanzamento:
- EDEMATOSO, comprimendo la pelle o contraendo il muscolo si osservano i primi inestetismi come ad esempio la pelle a buccia di arancia in conseguenza all'aumento del volume degli adipociti. Questo stadio è reversibile.
- FIBROSO, dove i fenomeni della fase precedente sono più marcati ed evidenti ma tuttavia ancora facilmente corregibili.
- SCLEROTICA FLACCIDA, che presenta l'insorgenza di noduli dolenti alla palpazione che interferiscono con il normale nutrimento e scambio di ossigeno dei tessuti. Il trattamento è più minuzioso e impegnativo rispetto agli stadi precedenti.
- SCLEROTICA, fase irreversibile con conseguente aspetto della cute a "materasso", con noduli più voluminosi e con un marcato irrigidimento delle fibre collagene. Il tessuto adiposo risulta altamente alterato.
I fattori predisponenti la cellulite sono diversi: predisposizione genetica, fattori ereditari, squilibri ormonali, dieta squilibrata ricca di grassi saturi e sodio, difetti posturali che si riflettono a livello plantare. La circolazione linfo-venosa, infatti per funzionare bene si avvale di quelle che sono le pompe muscolari degli arti inferiori, prima fra tutte la pompa plantare.
Bisognerà quindi focalizzare la nostra attenzione sulla mobilità della tibio-tarsica, con lavoro sulle superfici destabilizzanti come TRX, pedane propriocettive, medball. Per un appoggio naturale del piede è bene allenarsi scalzi, in quanto scarpe con suola troppo alta non fanno altro che penalizzare e peggiorare la situazione. Flesso-estensioni, cironduzioni, lateralizzazioni della caviglia pressando una pallina al tempo stesso, sono ottimi esercizi da eseguire scalzi per ripristinare la spremitura delle vene. A ciò dovremo abbinare la posturale e lo stretching.
Inoltre non dobbiamo dimenticare l'importanza di una dieta equilibrata e mantenere uno stile di vita salutare in modo da non ostacolare con fumo ed alcool la circolazione.
Evitare anche l'abuso di farmaci ed idratarsi bevendo almeno 1,5/2 litri di acqua al giorno che, con il suo effetto diuretico, aiuta la circolazione ad espellere le sostanze tossiche all'interno della cellula (la cellulite presenta un accumulo di liquido extra-cellulare noto anche come ritenzione idrica).
QUAL E' L'ESERCIZIO MIGLIORE PER CONTRASTARE LA CELLULITE?
Semplice il Kettlebell Swing! Lo swing attiva fortemente i recettori plantari, il "colpo d'anca" fa contrarre attivamente i quadricipiti, glutei, ischio crurali e torchio addominale.
Suddividere le ripetizioni totali in serie da dieci può essere un ottima scelta per non arrivare all'esaurimento muscolare ed evitare di produrre troppo lattato.
Un programma di allenamento basato su soli swing, per due volte a settimana, può essere impiegato da chiunque e può bastare a fare la differenza. 
Inserire una camminata in Rack position tra le serie può essere utile per rafforzare i muscoli scapolari, lavorando anche sulla corretta postura.

 

- Fabrizio Leone -
Personal Trainer e Fisioterapista

 

WELLNESS & THERAPY IN YOUR CONTROL!

 

 

 

Share on Facebook
Share on Twitter
Please reload

Featured Posts

CANI E PULCI

September 30, 2018

1/10
Please reload

Recent Posts

September 30, 2018

September 30, 2018

August 27, 2018